Tutela giudirica dei figli nati da genitori coniugati e non

I figli nati da genitori non coniugati sono equiparati sotto il profilo della tutela giuridica a quelli nati  in costanza di matrimonio.  VERO O FALSO?

VERO, la legge 219/2013, entrata in vigore lo scorso 1 gennaio 2013, ha, finalmente, parificato i diritti dei figli nati fuori dal matrimonio e di quelli adottivi (ad esclusione dei casi di adozione dei maggiorenni) rendendoli uniformi a quelli dei figli nati da unioni coniugali, eliminando, anche sotto il profilo lessicale, la tradizionale differenza tra gli uni e gli altri.

Sicché, nel nostro ordinamento giuridico, non esisteranno più figli legittimi, naturali ed adottivi ma solo "figli".

a riforma che ha reso possibile, previa l'autorizzazione del Giudice, anche, il riconoscimento dei figli c.d. incestuosi  ed ha trasferito al Tribunale ordinario molte delle competenze riservate al Tribunale per i Minorenni,  ha conferito una dettagliata delega al Governo per emanare uno o più decreti volti alla definitiva equiparazione dei figli e all'abolizione di ogni forma di disparità di trattamento.

Il decreto legislativo approvato dal Consiglio dei Ministri il 12 luglio 2013, non ancora in vigore, prevede importanti modifiche del codice civile e molte novità, tra le quali anche la possibilità per i nonni di agire in giudizio e far valere il diritto di mantenere rapporti significativi con i nipoti minori.

 

Avv.to Donatella De Caria, Presidente dell’Associazione Integrata Europea Psicologi e Avvocati per la famiglia (AIEPAF)

Ritratto di Diritto e famiglia

Posted by Diritto e famiglia

weleda

La Newsletter di Mammeonline
mammeonlineLa community di Mammeonline

Cuciniamo: blog di ricette e racconti in cucina